Regolamento della commissione mensa

Il Regolamento della commissione mensa è stato approvato con deliberazione del Consiglio Comunale. n° 6 del 30/01/2006.

 

Articolo 1: Istituzione


1. E’ costituita la Commissione Mensa per il servizio di refezione scolastica della scuola dell’infanzia, della scuola primana e della scuola secondaria di primo grado.

2. La Commissione Mensa è tenuta a verificare che sia assicurato:

  • il buon andamento dei servizio, nell’interesse dei bambini;
  • il rispetto delle norme contrattuali, nell’interesse dell’Ente appaltante.

 

Articolo 2: Competenze


1. La Commissione ha il compito di verificare:

  • la qualità dei generi alimentari;
  • la quantità del cibo fornito a ogni bambino;
  • i residui dei pasti;
  • il modo di cottura e di preparazione degli alimenti;
  • il metodo di conservazione dei cibi acquistati;
  • il rispetto delle tabelle dietetiche qualitative e quantitative stabilite dal personale medico dell’Azienda USL;
  • la distribuzione dei pasti con riferimento alla temperatura e alla presentazione degli alimenti;
  • la condizione igienica dei locali e degli impianti, comprese le attrezzature e gli utensili;
  • la pulizia degli arredi, degli infissi e dei pavimenti dei refettori;
  • la pulizia delle stoviglie;
  • i requisiti igienico/sanitari del personale di cucina e di servizio;


2. La Commissione inoltre:

  • promuove incontri con gli utenti, volti a informarli o ad istruirli sui tema della refezione scolastica e dell’alimentazione in genere, o per affrontare problemi  suggeriti dall’utenza stessa o dai genitori;
  • verifica il ruolo educativo del “momento mensa”.

 

Articolo 3: Composizione


1. La Commissione è composta da:

  • l’Assessore alla Pubblica Istruzione, che svolge anche funzioni di Presidente;
  • un rappresentante dei docenti proposto dal Consiglio di ogni istituto dotato dei servizio di mensa;
  • un rappresentante dei genitori per ogni istituto scolastico dotato di servizio mensa;
  • il responsabile dell’ufficio Pubblica Istruzione o suo delegato, con funzioni di verbalizzante;
  • un rappresentante della minoranza (modifica attuata con Delibera G.C. n.19 del 28 maggio 2012).

2. L'elenco dei componenti di cui alle lettere b) e c) deve essere fatto pervenire, da ogni circolo o istituto, all’Amministrazione Comunale che provvederà a inviano all’Azienda USL (Servizio igiene degli Alimenti e della Nutrizione).

3. I rappresentanti dei docenti/utenti del servizio e quelli dei genitori restano in carica fino a quando conservano il requisito di docente/utente o di genitore di un utente.

 

Articolo 4: Modalità di convocazione


1. La convocazione dei commissari per le visite in mensa e per le riunioni è fatta dal Presidente, ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità, su propria iniziativa, oppure su proposta del Sindaco o di 1/3 dei componenti la Commissione.

2. Le convocazioni saranno Predisposte dall’Amministrazione Comunale per mezzo di un avviso scritto da inviare ai membri della Commissione almeno cinque giorni prima della data fissata per la riunione.

 

Articolo 5: Rapporti con l’Azienda USL e con la ditta appaltatrice


1. Quando se ne ravvisi la necessità, alle riunioni della Commissione Mensa può essere richiesta la partecipazione di un rappresentante dell’Azienda USL e di un rappresentante  della ditta che fornisce il servizio di ristorazione (cuoco, responsabile di cucina, dietista), o di altro personale del medesimo servizio.

 

Articolo 6: Modalità di comportamento


1. Ai rappresentanti della Commissione Mensa potrà essere consentito, previo accordo con il referente dell’Amministrazione Comunale, di accedere al centro di cottura e ai locali annessi, con l’esclusione dei momenti di massima produttività e preparazione, per non intralciare il corretto svolgimento di fasi particolarmente a rischio igienico/sanitario. Gli stessi rappresentanti possono accedere anche ai refettori dei singoli plessi scolastici.

 

Articolo 7: Obblighi dei componenti della Commissione Mensa


1. Per non interferire con la normale attività lavorativa degli operatori:

  • la visita al centro di cottura è consentita solo alla Commissione appositamente convocata;
  • durante il sopralluogo da parte della ditta che gestisce ii servizio dovranno essere  messi a disposizione dei commissari i camici monouso e l’attrezzatura necessaria per l’assaggio dei cibi;
  • L’assaggio dei cibi è vietato nel centro di cottura;
  • La visita dovrà essere comunicata al dirigente dell'istituto scolastico interessato entro le ore 11 dello stesso giorno;
  • Durante i sopralluoghi non dovrà essere rivolta alcuna osservazione al personale addetto al servizio;
  • Per l’assaggio dei cibi e per ogni altra richiesta cl si dovrà rivolgere al responsabile dei centro cottura e/o dei refettorio.

 

Articolo 8: Norme igieniche


1. L’attività della Commissione Mensa deve essere limitata alla semplice osservazione delle procedure e della somministrazione dei pasti, con esclusione di qualsiasi forma di contato diretto o indiretto con le sostanze alimentari e con tutto ciò che entra in contatto con gli alimenti stessi, facendo comunque salva la possibilità di assaggiare i cibi.

2. I rappresentanti della Commissione Mensa non devono toccare gli alimenti cotti né  quelli crudi, gli utensili, le attrezzature, le stoviglie.

3. I membri della Commissione Mensa non devono utilizzare i servizi igienici riservati al personale e si devono astenere dalla visita in caso di malattie infettive o virali.

 

Articolo 9: Pubblicità e controllo


1. Copia del presente regolamento sarà trasmessa all’Azienda USL e pubblicizzata secondo a normativa in vigore.

2. I nominativi, dei commissari e i verbali delle riunioni sono trasmessi agli istituti Scolastici.

 

Articolo 10: Durata in carica


1. La Commissione Mensa resta in carica fino al rinnovo dell’Amministrazione Comunale

Data di ultima modifica: 09/02/2018

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto